Generosità senza frontiere

 

Generosità senza frontiere

Ispirata da un'esperienza, un ricordo o una storia di vita, la generosità può assumere molte forme. Può trascendere il tempo e attraversare gli oceani, dare significato a un'impresa e contribuire al bene comune. E questo è esattamente ciò che Claude Le Flem, un cittadino belga che vive in Quebec da quasi 50 anni, ha appena fatto con il supporto di KBF Canada. Attraverso il Madeleine Crab Fund, Le Flem ha deciso non solo di onorare il ricordo di sua madre, ma anche di fornire sostegno ai giovani dell'Athénée Royal de Gembloux che desiderano proseguire gli studi, ma non hanno i mezzi per farlo così.

 

In omaggio a sua madre

Claude Le Flem fu segnato dalla morte prematura di sua madre. "Anche se ero ancora abbastanza giovane - solo 15 - ricordo quanto fosse amata, ovviamente dalla sua stessa famiglia, ma anche dai suoi allievi e dai loro genitori". Formazione come insegnante di scuola materna, Madeleine Crab ha trascorso gran parte della sua vita lavorativa in varie scuole di Gembloux. “Quando è morta, è stata organizzata una processione civica con i capi delle autorità locali presenti. Mia madre era una figura pubblica a Gembloux ", afferma Le Flem," quindi questo fondo è un modo per renderle omaggio e onorare la sua memoria ".

 

Studiare, a tutti i costi

Claude Le Flem stesso frequentò l'Athénée Royal de Gembloux e trascorse gran parte della sua infanzia in città, quindi gli sembrò naturale sostenere i giovani lì. La sua storia ha avuto un'influenza decisiva. “Vengo da un umile background. I miei nonni erano lavoratori manuali e i pochi soldi che avevano erano spesi per prendersi cura di mia madre. Io stesso ho avuto un periodo piuttosto difficile e questo mi ha impedito di andare all'università”.  Almeno inizialmente, perché con determinazione e coraggio il signor Le Flem alla fine è stato in grado di studiare le lingue all'Università Libre di Bruxelles. Successivamente è emigrato in Canada dove ha proseguito gli studi universitari e alla fine è diventato professore all'Università Laval (Quebec), dove ha soggiornato.

È quindi per aiutare i giovani che desiderano studiare all'università, ma non hanno i mezzi per farlo, così è stato creato il Madeleine Crab Fund. "Ricordo la mia stessa vulnerabilità", afferma Le Flem, "e se posso aiutare alcuni giovani in difficoltà consentendo loro di studiare, allora mi dico che le mie stesse esperienze avranno fatto del bene."

 

Più che un semplice supporto finanziario

Con un budget di un milione di dollari canadesi, il Fondo mira a fornire borse di studio agli alunni nel loro ultimo anno presso l'Athénée Royal de Gembloux. Ogni studente sarà selezionato da una giuria sulla base di criteri rigorosi, come il profilo socio-economico della famiglia e i risultati scolastici, la motivazione e la personalità dello studente. Il Fondo ha anche una missione di sostenibilità: il capitale rimarrà intatto e solo l'interesse verrà portato in uso ogni anno, in modo che nel tempo, molti più studenti possano essere aiutati.

Il supporto fornito, tuttavia, va oltre l'aiuto finanziario. "Dare soldi è buono, ma non è abbastanza", afferma Flem. "La supervisione fornita da KBF Canada mi sembra essenziale se vogliamo massimizzare le possibilità di successo dei giovani nei loro sforzi accademici". Il supporto fornito agli studenti può quindi assumere varie forme, come consentire loro di frequentare un corso di lingua durante le vacanze, aiutarli a trovare uno stage in un'azienda o metterli in contatto con tutor che lavorano in settori che li interessano.

 

Ascolto, fiducia, consigli

Per adempiere a tale impegno, Le Flem ha potuto contare sull'aiuto e sulla competenza di KBF Canada. "Il nostro lavoro è essere al fianco dei nostri donatori, aiutandoli a raggiungere le loro ambizioni e desideri filantropici", spiega Benoît Fontaine, direttore di KBF Canada. “Pertanto, consentiamo ai cittadini (e alle organizzazioni) con sede in Canada di supportare persone o progetti in Europa. Forniamo loro un quadro giuridico e finanziario, competenza sui contenuti e una vasta rete internazionale e capacità di lavoro. Sviluppiamo un approccio filantropico su misura che tiene conto dei desideri particolari che sono stati espressi ", aggiunge.

Claude Le Flem trova un orecchio attento a KBF Canada. "Abbiamo trascorso molto tempo a discutere e condividere le nostre esperienze su ciò che è coinvolto nel tentativo di aiutare i giovani vulnerabili e abbiamo lavorato insieme allo sviluppo del modo migliore per attuare il suo progetto", afferma Benoît Fontaine. Il rapporto di fiducia instaurato ha consentito di istituire il Madeleine Crab Fund in modo estremamente rapido - in poche settimane - e di determinare con calma come avrebbe funzionato, arrivando persino alla composizione della giuria che avrebbe selezionato gli studenti che riceverebbe una sovvenzione.

"Senza l'aiuto di KBF Canada, non sarei mai stato in grado di realizzare questo progetto, che mi è così caro, e di garantirne il futuro", conclude Le Flem. L'Athénée Royal de Gembloux intende simboleggiare questo sentimento piantando un albero (ovviamente un acero!) E installando una targa commemorativa nella scuola. Un gesto di riconoscimento per l'eternità.

Pubblicato il: Martedì, Aprile 28, 2020